di Gerardo Iandoli

Per chi, come me, ha studiato all’Università di Bologna, Umberto Eco è più di un autore amato, di un saggista affascinante o di intellettuale rispettabile: è una sorta di nume tutelare, una figura che – è il caso di dirlo – ‘simbolicamente’ protegge la cultura e il mondo intellettuale italiano.