In che modo gli allenatori utilizzano la tecnologia GPS nello sport?

Per migliaia di anni, gli esseri umani hanno trovato la loro strada guardando il cielo. I marinai usavano le costellazioni, il sole e la luna per navigare verso lidi lontani. Oggi, tutto ciò che serve è un dispositivo chiamato ricevitore GPS. GPS è l’acronimo di Global Positioning System e ci consente di sapere dove siamo e dove stiamo andando ovunque sulla Terra.

Abbiamo ancora bisogno di oggetti nel cielo per sapere dove siamo e come arriviamo in altri luoghi, ma ora usiamo i satelliti invece delle stelle. Oltre 30 satelliti di navigazione GPS sfrecciano in tutto il mondo, orbitando a un’altitudine di 20.200 chilometri, per aiutarci a trovare la nostra strada.

La tecnologia GPS tiene traccia dei movimenti di un giocatore e suddivide le distanze percorse, le velocità raggiunte e i carichi di lavoro durante l’allenamento e la competizione. Nel software GameTraka di SPT vengono fornite diverse metriche chiave relative alla corsa e alle prestazioni che sono state descritte in un blog precedente. Qui, vogliamo fornire una rapida introduzione su come la tecnologia GPS può essere utilizzata nello sport.

Iniziamo con il quadro generale e il perché dell’utilizzo della tecnologia GPS nello sport: prestazioni, prevenzione degli infortuni e salute dell’atleta. Vogliamo che i nostri atleti siano nelle migliori condizioni fisiche, senza infortuni e al 100% per il giorno della partita. La tecnologia GPS offre dati oggettivi per prendere decisioni migliori su pratica, condizionamento e salute del giocatore e, in definitiva, prestazioni. Quantificando e monitorando le distanze, le velocità e il carico di lavoro complessivo dei singoli atleti e della squadra nel suo complesso, la tecnologia GPS consente allo staff tecnico e di formazione una visione più precisa delle prestazioni di gioco e consente la personalizzazione dei programmi di allenamento e recupero.
Diamo un’ulteriore occhiata ai modi in cui la tecnologia GPS viene utilizzata nello sport.

Capire le esigenze del gioco.

Hai guardato il tuo sport migliaia di volte ma conosci la distanza totale coperta da determinate posizioni? quanti sprint? quanta distanza viene percorsa facendo jogging? sprint? Il GPS può scoprire i reali requisiti fisici dei tuoi atleti. Inoltre, queste informazioni possono essere segmentate per periodo (1° trimestre, ecc.) per raccogliere informazioni su strategia, stanchezza e altro. Queste informazioni aggiuntive che vanno oltre il tempo totale giocato o il numero totale di giocate possono fornire un contesto più profondo su ciò che accade durante il corso di una partita.

Progettare pratiche e programmi di condizionamento che riflettano le esigenze del gioco.

Una volta che le richieste della competizione sono note, gli allenatori possono elaborare piani di allenamento e condizionamento per preparare gli atleti a soddisfare le esigenze del giorno della partita. Molto semplicemente, lo scopo della pratica e dell’allenamento è garantire che gli atleti siano in condizioni ottimali per la competizione. Quindi, smettila di indovinare e inizia a misurare!

Valutazione e gestione del carico di lavoro settimanale.

L’attuale termine in voga nella scienza dello sport è “carico di allenamento”. Pensa a una domanda comune posta da allenatori e atleti: “quanto è stato difficile l’allenamento”? Invece di una valutazione o sensazione soggettiva, agli allenatori possono essere forniti numeri GPS “duri” come Intensità o Corsa dura. Esaminando queste metriche su base giornaliera e settimanale, gli allenatori possono monitorare meglio il carico di lavoro, lo sforzo e l’affaticamento degli atleti.

Tendenze e confronti dei giocatori.

Utilizzando i dati storici in un periodo di tempo, gli allenatori possono esaminare le tendenze in termini di prestazioni e impegno. E anche confrontare un atleta con un altro atleta o con il resto di un gruppo di posizione o della squadra?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *